bg1
bg1
facebook googleplus

SINNOVA 2015

La 4° edizione del Salone dell'innovazione in Sardegna

cagliari 6 e 7 ottobre

Ex Manifattura Tabacchi

Viale Regina Margherita, 33

La Sardegna si conferma terra di energie innovative, di ricerca e tecnologie al servizio dei cittadini e delle imprese: lo certificano gli oltre tremila visitatori che ieri e oggi hanno varcato i cancelli dell'Ex Manifattura Tabacchi, a Cagliari, per la quarta edizione di SINNOVA, il Salone dell'Innovazione in Sardegna promosso da Sardegna Ricerche in collaborazione con l'Assessorato regionale della Programmazione, Bilancio, Credito e Assetto del territorio.

Una cifra in netta crescita che prova quanto l'Isola sia attrattiva e capace di catturare investimenti e produrre eccellenza nei settori della tecnologia, dei servizi digitali, della ricerca e della formazione. Non è un caso che dal 2013 al 2015 su 185 milioni di investimenti in capitale di rischio per favorire la creazione di startup innovative in Italia, la Sardegna ne abbia attirati 36, circa il 20% del totale.

SINNOVA quest'anno è cresciuta e diventata internazionale, grazie alla presenza di quattro colossi dell'industria digitale mondiale (Amazon, Huawei, Microsoft, Accenture) e di 50 tra imprese e operatori stranieri ospiti al Forum per l'internazionalizzazione del settore ICT organizzato dall'Assessorato regionale dell'Industria, dalla Sfirs e dall'Ice, durante il quale hanno avuto grande successo gli incontri B2B in cui 70 aziende e operatori stranieri hanno incontrato le aziende sarde.

«L'edizione di quest'anno ha fatto un salto di qualità», ha sottolineato il direttore generale di Sardegna Ricerche Giorgio Pisanu, «non più solo una vetrina per le imprese innovative sarde, ma anche un'occasione di confronto e di collaborazione con alcune delle più grandi realtà mondiali nel settore dell'industria digitale e con altre imprese straniere che sono disposte ad allacciare rapporti commerciali con le nostre. È questa è la strada giusta, e continueremo a percorrerla anche il prossimo anno».

Smart City, nuove tecnologie per la pianificazione urbanistica intelligente, aiuto alla mobilità sostenibile, all'energia e all'ambiente, ma anche ICT applicate al mondo agricolo, al turismo e ai beni culturali: durante le due giornate hanno trovato spazio prodotti e servizi proposti dalle 132 aziende partecipanti. Presenti anche 14 tra enti e istituzioni che si occupano di innovazione a sostegno alle imprese locali (inclusi le Università e i Centri di ricerca regionali), mentre sono 42 lestartup e 17 le imprese femminili.

salone dell'innvovazione sardegna