bg1
bg1
facebook googleplus

la nostra storia

Il Centro Marino Internazionale IMC è nato come Associazione Internazionale di Ricerca non profit fondata nel 1989 tra un Ente pubblico ed un socio privato.

Nel 2002 è stata trasformata in Fondazione ONLUS ed ha acquistato la personalità giuridica privata in seguito al riconoscimento determinato dall’iscrizione nel registro delle persone giuridiche istituito presso la Prefettura della Provincia di Oristano.

Nel 2012 Sardegna Ricerche diventa socio sostenitore della Fondazione IMC ONLUS, l’ingresso da parte dell’Ente sardo per la ricerca e lo sviluppo tecnologico conduce al conseguente inserimento dello stesso IMC nel Parco Scientifico e Tecnologico della Sardegna come polo di ricerca.

Le strutture della Fondazione IMC Onlus si estendono su una superficie di 2300 m2 e comprendono laboratori di ricerca, biblioteca, acquari, sala convegni, uffici per ospitare scienziati in visita

La missione della Fondazione IMC Onlus è di promuovere la ricerca scientifica, la cooperazione internazionale, la formazione, e la diffusione, finalizzata alla corretta gestione delle biorisorse e dell’ambiente marino Mediterraneo contribuendo cosi ad una politica per lo sviluppo sostenibile del territorio e proporre soluzioni scientifiche e tecnologiche sostenibili a supporto dei sistemi produttivi che impiegano nei propri processi le risorse marine e costiere, e nel contempo allo stimolo di iniziative che possano generare benessere e ricchezza attraverso la conservazione degli ecosistemi marini e costieri..

Con il passaggio istituzionale che ha visto l’inserimento dell'IMC nel sistema del Parco Scientifico e Tecnologico della Sardegna, tali orientamenti diventano un vero e proprio impegno conseguente al ruolo di Sardegna Ricerche quale ente regionale preposto alla “promozione della ricerca e del trasferimento tecnologico e nello sviluppo dell'economia della conoscenza”.

In tale ambito è stato attivato uno strumento di raccordo con i settori produttivi al fine di orientare la ricerca verso obiettivi di sviluppo sostenibile e le imprese verso l’introduzione dell’innovazione come strumento di competitività.

al servizio dell'innovazione

In seguito dell’inserimento dell’IMC nel Parco Scientifico Tecnologico della Sardegna è stata sviluppata un’area di ricerca che riguarda in particolare i sistemi produttivi e il relativo trasferimento tecnologico.

La ricerca sui sistemi produttivi si divide in due filoni principali ancorché non esclusivi:

1) gli studi legati all’incremento della produttività dei sistemi di pesca sostenibile e acquacoltura su lagune e aree costiere; in particolare la ricerca in acquacoltura è focalizzata sugli organismi invertebrati e su metodologie innovative di acquacoltura a basso impatto, sui sistemi di acquacoltura per la produzione di specie ittiche finalizzati al ripopolamento attivo di aree lagunari e costiere con scarsa produttività.

2) gli studi legati alle potenzialità produttive delle microalghe come risorsa industriale e/o fattore produttivo essenziale in acquacoltura. Tale attività è condotta in sinergia con il Laboratorio Biocombustibili e Biomasse della Piattaforma Energie Rinnovabili di Sardegna Ricerche.

Le attività riguardano l’individuazione ed il reperimento delle specie algali più idonee alle diverse produzioni e utilizzo prescelte; identificazione delle condizioni ottimali di crescita delle microalghe, studio della cinetica del processo, modellizzazione delle curve di crescita in condizioni standard e valutazione delle rese di produzione con l’impiego di fotobioreattori da laboratorio; verifica della condizioni di processo su scala pilota in fotobioreattori anulari.

Crescita delle microalghe su scala semi industriale in fotobioreattori a pannelli verticali per ottenere una quantità di biomassa algale idonea alle operazioni di recupero e alla sua caratterizzazione. Valutazioni economiche delle filiere produttive.